Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Cambio compensativo
Ven 25 Set 2015 - 1:12 Da Admin

» Mobilità compensativa tra infermieri
Ven 25 Set 2015 - 1:12 Da Admin

» Verifica Equitalia
Gio 19 Feb 2015 - 2:17 Da Admin

» split payment
Gio 19 Feb 2015 - 2:16 Da Admin

» codice univoco fatture - IPA
Mer 18 Feb 2015 - 23:29 Da Admin

» tassa rifiuti- delibera di assimilazione
Mer 18 Feb 2015 - 3:33 Da Admin

» graduatoria a T.D.-riflessione
Lun 16 Feb 2015 - 23:57 Da Admin

» BONUS RENZI COMPENSAZIONE F24
Lun 16 Feb 2015 - 6:08 Da Admin

» pensioni S7 - servizi stampati non in ordine di data
Lun 16 Feb 2015 - 0:59 Da Admin

» congedo parentale
Lun 16 Feb 2015 - 0:59 Da Admin

» conflitto di interesse???
Ven 13 Feb 2015 - 4:18 Da Admin

» ICI / IMU IMPIANTI DI RISALITA
Ven 13 Feb 2015 - 4:18 Da Admin

» campo da calcio comunale
Ven 13 Feb 2015 - 0:08 Da Admin

» pensioni s7 e tabella voci emolumenti
Ven 13 Feb 2015 - 0:08 Da Admin

» Antenne. microcelle outdoor
Gio 12 Feb 2015 - 3:51 Da Admin

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
creare un forum
Calcolo Irpef on line
http://www.irpef.info/

Gestione associata funzioni sociali e consorzi PdZ sociali

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Gestione associata funzioni sociali e consorzi PdZ sociali

Messaggio  VITTORIO.MARINO.01 il Mar 15 Nov 2011 - 5:10

Buongiorno, volevo un chiarimento sulla seguente questione: il mio Comune aderisce ad un Consorzio dei Servizi Sociali ex PdZ sociale, ma sta valutando l'ipotesi di aderire ad una convenzione per la gestione associata delle funzioni sociali a partire dal 2012. Ciò consentirebbe la permanenza nel suddetto Consorzio o la gestione associata delle funzioni sociali implica automaticamente la fuoriuscita dal Consorzio?
Potrei avere qualche riferimento normativo? Grazie!!

VITTORIO.MARINO.01

Messaggi : 22
Data d'iscrizione : 06.10.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Gestione associata

Messaggio  Paolo Gros il Mar 15 Nov 2011 - 5:31

La gestione consortile delle funzioni sociali e' ex se una forma di associazione per cui non puo' essere duplicata conseguendone la obbligatoria fuoriuscita.
avatar
Paolo Gros
Admin

Messaggi : 51828
Data d'iscrizione : 30.07.10

Vedi il profilo dell'utente http://paologros.oneminutesite.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re:

Messaggio  VITTORIO.MARINO.01 il Mar 15 Nov 2011 - 8:43

E se si optasse per la gestione associata di altre due funzioni fondamentali, tenendo esclusa quella sociale, sarebbe possibile rimanere nel Consorzio in oggetto oppure questo deve, in ogni caso, essere sciolto alla luce dell'art.2, comma 176 della Finanziaria 2010?
Grazie per la pazienza...

VITTORIO.MARINO.01

Messaggi : 22
Data d'iscrizione : 06.10.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Consorzi

Messaggio  Paolo Gros il Mar 15 Nov 2011 - 8:49

I consorzi sociali di funzioni rimangono esclusi dalla norma che prevede la soppressione dei consorzi e rimangono in essere. Al pari delgi Ato infatti tali consorzi sono tipizzati dalla legge, e, con i limiti previsti dalla normativa vigente, declinabile negli aspetti organizzativi interni dalle regioni e dalle province autonome in applicazione del potere disciplinare ad esse attribuito dall’art. 148, comma 2, del d.lgs. n. 152 del 2006.

( verifica la norma della tua regione )
avatar
Paolo Gros
Admin

Messaggi : 51828
Data d'iscrizione : 30.07.10

Vedi il profilo dell'utente http://paologros.oneminutesite.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gestione associata funzioni sociali e consorzi PdZ sociali

Messaggio  francodan il Mer 14 Dic 2011 - 1:47

utile parere sull'argomento quello di corte lombardia 627 2011

Sulla distinzione fra consorzi di funzioni e consorzi di servizi.

Gli enti costitutori devono effettuare una specifica valutazione sull'opportunità di mantenere la struttura consortile o di individuare altre modalità di effettuazione del servizio che rispondano ai canoni dell'economicità, efficienza ed efficacia dell'azione amministrativa.

A prescindere dal nomen juris utilizzato, l'indagine sulla qualificazione giuridica dell'organismo partecipato quale consorzio di funzioni o consorzio di servizi deve focalizzarsi sul tipo di attività concretamente svolta e sulla diversità dell'agire della P.A. locale. Se l'attività del consorzio si esplica mediante atti amministrativi o comportamenti configuranti espressione del potere autoritativo della p.a. si ritiene che la natura dell'attività posta in essere costituisca una funzione, ovvero la cura concreta di interessi pubblici finalizzata al raggiungimento di uno scopo tipizzato dalla legge. Se, al contrario, l'azione della p.a. consiste nell'erogare un servizio alla collettività, "in attuazione di precetti costituzionali afferenti a diritti soggettivi assoluti, quali il diritto alla salute o all'assistenza domiciliare per gli anziani o per i diversamente abili, si è al cospetto di un consorzio di servizi". Inoltre, la natura del servizio non muta se una frazione non preponderante dell'attività sia gestita secondo atti amministrativi funzionali alla resa del servizio, rientrando nella normale organizzazione di un consorzio di servizi la costituzione di un'unità organizzativa di tipo amministrativo con finalità servente l'ottimale resa del servizio pubblico medesimo. Partendo da questa premessa è stata individuata la natura di consorzi di funzioni in quelle forme organizzative che prevedono la gestione associata dei servizi anagrafici, dei sistemi informativi automatizzati, delle funzioni di polizia locale ed amministrativa, della riscossione di tributi e imposte locali, mentre si è ritenuto che rientrino fra i consorzi di servizi, gli organismi consortili che gestiscono i servizi pubblici locali a rilevanza economica, i servizi pubblici locali privi di rilevanza economica e i servizi strumentali a più enti territoriali, quali ad esempio la raccolta dei rifiuti solidi urbani, il servizio idrico integrato, il servizio di depurazione delle acque reflue, il servizio di trasporto, i servizi manutentivi di parchi e giardini o di immobili comunali. La concreta individuazione delle due tipologie di consorzio dovrà essere compiuta compiendo una ricognizione delle norme settoriali, nonché valorizzando le previsioni contenute nell'atto fondamentale con cui è stato costituito l'organismo partecipato, ovvero lo statuto consortile.

Il consorzio che abbia quale compito di provvedere alla "raccolta, al trasporto ed allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani e di quelli industriali e similari" rientra fra i consorzi di servizi. La circostanza che il consorzio non abbia una struttura autonoma ma svolga prevalentemente la sua attività in qualità di stazione appaltante non influenza la natura del consorzio che continuerà a rientrare nella categoria di quelli di funzioni o di servizi in base ai compiti affidati dagli Enti costitutori. Ferma restando l'impossibilità di prevedere la costituzione di un consorzio che abbia quale oggetto esclusivo di appaltare a terzi la gestione del servizio per l'effettuazione del quale è stato costituito. Se questa circostanza non incide sulla individuazione della natura del consorzio, impone, comunque, agli Enti costitutori di effettuare una specifica valutazione in ordine all'opportunità di mantenere la struttura consortile o di individuare altre modalità di effettuazione del servizio che rispondano ai canoni dell'economicità, efficienza ed efficacia dell'azione amministrativa.
avatar
francodan

Messaggi : 6152
Data d'iscrizione : 07.10.10
Località : 4 comuni e una unione in bassa lomellina

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gestione associata funzioni sociali e consorzi PdZ sociali

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum