Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Cambio compensativo
Ven 25 Set 2015 - 1:12 Da Admin

» Mobilità compensativa tra infermieri
Ven 25 Set 2015 - 1:12 Da Admin

» Verifica Equitalia
Gio 19 Feb 2015 - 2:17 Da Admin

» split payment
Gio 19 Feb 2015 - 2:16 Da Admin

» codice univoco fatture - IPA
Mer 18 Feb 2015 - 23:29 Da Admin

» tassa rifiuti- delibera di assimilazione
Mer 18 Feb 2015 - 3:33 Da Admin

» graduatoria a T.D.-riflessione
Lun 16 Feb 2015 - 23:57 Da Admin

» BONUS RENZI COMPENSAZIONE F24
Lun 16 Feb 2015 - 6:08 Da Admin

» pensioni S7 - servizi stampati non in ordine di data
Lun 16 Feb 2015 - 0:59 Da Admin

» congedo parentale
Lun 16 Feb 2015 - 0:59 Da Admin

» conflitto di interesse???
Ven 13 Feb 2015 - 4:18 Da Admin

» ICI / IMU IMPIANTI DI RISALITA
Ven 13 Feb 2015 - 4:18 Da Admin

» campo da calcio comunale
Ven 13 Feb 2015 - 0:08 Da Admin

» pensioni s7 e tabella voci emolumenti
Ven 13 Feb 2015 - 0:08 Da Admin

» Antenne. microcelle outdoor
Gio 12 Feb 2015 - 3:51 Da Admin

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
creare un forum
Calcolo Irpef on line
http://www.irpef.info/

servizio a domanda individuale:lampade votive

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

servizio a domanda individuale:lampade votive

Messaggio  BARBARA B il Gio 9 Mag 2013 - 9:03

Salve Paolo, stiamo procedendo alla predisposizione del bilancio di previsione per l'anno 2013 e sorgono dubbi in merito ai servizi a domanda individuale. L'art. 34 del D.L. 179/2012 al comma 26 sancisce che "al fine di aumentare la concorrenza nell'ambito delle procedure di affidamento in concessione del servizio di illuminazione votiva, all'articolo unico del decreto del Ministro dell'interno 31 dicembre 1983, pubblicato nella ))Gazzetta Ufficiale(( n. 16 del 17 gennaio 1984, al numero 18) sono soppresse le seguenti parole: «e illuminazioni votive». Conseguentemente i comuni, per l'affidamento del servizio di illuminazione votiva, applicano le disposizioni di cui al decreto legislativo n. 163 del 2006, e in particolare l'articolo 30 e, qualora ne ricorrano le condizioni, l'articolo 125.)). In pratica è da intendersi che le lampade votive non sono più "servizi a domanda individuale"? A mio avviso la normativa è volta ad incentivare le concessioni a terzi del servizio, ma per i comuni che gestiscono il servizio in economia come devono rappresentarlo nel bilancio? Al titolo III delle entrate? sono sempre soggetti ad iva ? rientrano nei servizi commerciali?
grazie

BARBARA B

Messaggi : 5
Data d'iscrizione : 27.03.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

lampade

Messaggio  Paolo Gros il Gio 9 Mag 2013 - 23:24

Le lampade votive non sono più "servizi a domanda individuale" e si sottraggono a tale normativa
avatar
Paolo Gros
Admin

Messaggi : 51828
Data d'iscrizione : 30.07.10

Vedi il profilo dell'utente http://paologros.oneminutesite.it/

Tornare in alto Andare in basso

Luci votive

Messaggio  rossi maria il Ven 24 Gen 2014 - 8:24

Chiedo aiuto perché non ho le idee chiare , il mio comune deve affidare il servizio di lampade votive, non essendo più tale servizio 'a domanda individuale' e' corretto 'sdoppiare' gli affidamenti ossia affidare la manutenzione ad 1 impresa e la riscossione dei canoni ad 1 gestore tipo poste, ecc... O discutere direttamente i canoni? Oppure si può' sempre affidare manutenzione a riscossione allo stesso soggetto come accadeva prima? Grazie del prezioso aiuto

rossi maria

Messaggi : 81
Data d'iscrizione : 18.08.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

COME COMPORTARSI CON IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA

Messaggio  SILANO il Dom 26 Gen 2014 - 2:07

Alla luce delle novita' normative (art. 34 del D.L. 179/2012 e di conseguenza i comuni, per l'affidamento del servizio di illuminazione votiva, applicano le disposizioni di cui al decreto legislativo n. 163 del 2006, e in particolare l'articolo 30 e, qualora ne ricorrano le condizioni, l'articolo 125) pongo questi quesiti:
1) nel mio comune il servizio di illuminazione votiva è dato in concessione ad un privato da oltre venti anni. le condizioni sono veramente di sfavore per l'ente: incasso di circa €. 500,00 per l'ente a fronte di guadagni netti di 7/8 mila euro per il concessionario privato. Stante questa situazione è possibile revocare la concessione unilateralmete da parte del Comune? In caso positivo, come procedere alla risoluzione?
2) se si è possibile reinternalizzare il servizio e gestirlo direttamente?
3) nel calcolo dei costi dei servizi indivisibili per la TASI, occorre considerare anche il servizio illuminazione votiva anche se adesso in concessione a privato?
4) se gestito direttamente, il servizio illuminazione votiva è rilevante ai fini IVA?
GRAZIE

SILANO

Messaggi : 341
Data d'iscrizione : 01.09.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

re

Messaggio  Paolo Gros il Dom 26 Gen 2014 - 23:40

1- la concessione deve andare alla naturale scadenza
2-ex post e' comunque possibile reinternalizzare
3-tale servizio mi pare individuabile ( tant'e' che un tempo era a domanda individuale) e non indivisibile
4-si lo e'
avatar
Paolo Gros
Admin

Messaggi : 51828
Data d'iscrizione : 30.07.10

Vedi il profilo dell'utente http://paologros.oneminutesite.it/

Tornare in alto Andare in basso

definizione tariffe

Messaggio  Marika il Lun 24 Feb 2014 - 7:02

ho le idee confuse. Nel caso venga esternalizzato, l'ente deve comunque decidere la tariffa del canone?

Marika

Messaggi : 70
Data d'iscrizione : 10.05.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: servizio a domanda individuale:lampade votive

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum