Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Cambio compensativo
Ven 25 Set 2015 - 1:12 Da Admin

» Mobilità compensativa tra infermieri
Ven 25 Set 2015 - 1:12 Da Admin

» Verifica Equitalia
Gio 19 Feb 2015 - 2:17 Da Admin

» split payment
Gio 19 Feb 2015 - 2:16 Da Admin

» codice univoco fatture - IPA
Mer 18 Feb 2015 - 23:29 Da Admin

» tassa rifiuti- delibera di assimilazione
Mer 18 Feb 2015 - 3:33 Da Admin

» graduatoria a T.D.-riflessione
Lun 16 Feb 2015 - 23:57 Da Admin

» BONUS RENZI COMPENSAZIONE F24
Lun 16 Feb 2015 - 6:08 Da Admin

» pensioni S7 - servizi stampati non in ordine di data
Lun 16 Feb 2015 - 0:59 Da Admin

» congedo parentale
Lun 16 Feb 2015 - 0:59 Da Admin

» conflitto di interesse???
Ven 13 Feb 2015 - 4:18 Da Admin

» ICI / IMU IMPIANTI DI RISALITA
Ven 13 Feb 2015 - 4:18 Da Admin

» campo da calcio comunale
Ven 13 Feb 2015 - 0:08 Da Admin

» pensioni s7 e tabella voci emolumenti
Ven 13 Feb 2015 - 0:08 Da Admin

» Antenne. microcelle outdoor
Gio 12 Feb 2015 - 3:51 Da Admin

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
creare un forum
Calcolo Irpef on line
http://www.irpef.info/

Aspettativa per studio

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Aspettativa per studio

Messaggio  tulipano29 il Mer 8 Mag 2013 - 7:21

Salve, sono nuova del forum, e sono assunta con un contratto a tempo indeterminato presso un ente locale. sono venuta a sapere che ci sono dipendenti statali che riescono ad usufruire dell'aspettativa per motivi di studio in maniera retribuita. (riescono ad essere retribuiti dal ministero) In quali casi è possibile? Che requisiti sono richiesti?
grazie delle informazioni fornite
Tuli

tulipano29

Messaggi : 1
Data d'iscrizione : 08.05.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

aspettativa

Messaggio  Paolo Gros il Mer 8 Mag 2013 - 23:00

In merito ai permessi per studio il contratto collettivo nazionale di lavoro per il personale non dirigenziale del comparto delle Regioni-Autonomie locali siglato il 14 settembre 2000 prevede all’art. 15 il c.d. “diritto allo studio”, ovvero la concessione di appositi permessi retribuiti a favore dei dipendenti con rapporto di lavoro a tempo indeterminato, nella misura massima di 150 ore individuali per ciascun anno e nel limite massimo del 3% del personale in servizio a tempo indeterminato presso ciascun Ente all’inizio di ogni anno.
Questa disposizione non è altro che la ripetizione all’interno di questo comparto, in termini sostanzialmente analoghi, della precedente regolamentazione pubblicistica dell’istituto contenuta nell’art. 3 del D.P.R. 23 agosto 1988, n. 395, e nell’art. 24 del D.P.R. 3 agosto 1990, n. 333.
Scopo di questo istituto è l’«accrescimento della formazione culturale e professionale del dipendente» (vedi in tal senso la circolare del Dipartimento della Funzione pubblica del 5 aprile 1989, n. 3178, emanata al tempo dell’applicazione dell’art. 3 del D.P.R. n. 395/1988), ma ha, di riflesso, il suo fondamento nell’interesse di ogni Amministrazione locale, in quanto garantendo questo diritto ai lavoratori ne trae beneficio lo stesso Ente in termini di accrescimento professionale.
Non c’è spazio, dunque, per un’ulteriore regolamentazione in materia: tutto è esaustivamente previsto nell’art. 15 del CCNL del 14 settembre 2000. In altri termini, non è possibile integrare o, peggio ancora, modificare i relativi vincoli mediante un regolamento di Ente e neanche mediante un accordo decentrato, in quanto non rientrano nelle materie assegnate a tale sede cioè fra quelle contenute nell’art. 4, comma 2, del CCNL Regioni-Autonomie locali del 1 aprile 1999
avatar
Paolo Gros
Admin

Messaggi : 51828
Data d'iscrizione : 30.07.10

Vedi il profilo dell'utente http://paologros.oneminutesite.it/

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum