Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Cambio compensativo
Ven 25 Set 2015 - 1:12 Da Admin

» Mobilità compensativa tra infermieri
Ven 25 Set 2015 - 1:12 Da Admin

» Verifica Equitalia
Gio 19 Feb 2015 - 2:17 Da Admin

» split payment
Gio 19 Feb 2015 - 2:16 Da Admin

» codice univoco fatture - IPA
Mer 18 Feb 2015 - 23:29 Da Admin

» tassa rifiuti- delibera di assimilazione
Mer 18 Feb 2015 - 3:33 Da Admin

» graduatoria a T.D.-riflessione
Lun 16 Feb 2015 - 23:57 Da Admin

» BONUS RENZI COMPENSAZIONE F24
Lun 16 Feb 2015 - 6:08 Da Admin

» pensioni S7 - servizi stampati non in ordine di data
Lun 16 Feb 2015 - 0:59 Da Admin

» congedo parentale
Lun 16 Feb 2015 - 0:59 Da Admin

» conflitto di interesse???
Ven 13 Feb 2015 - 4:18 Da Admin

» ICI / IMU IMPIANTI DI RISALITA
Ven 13 Feb 2015 - 4:18 Da Admin

» campo da calcio comunale
Ven 13 Feb 2015 - 0:08 Da Admin

» pensioni s7 e tabella voci emolumenti
Ven 13 Feb 2015 - 0:08 Da Admin

» Antenne. microcelle outdoor
Gio 12 Feb 2015 - 3:51 Da Admin

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
creare un forum
Calcolo Irpef on line
http://www.irpef.info/

INDEBITAMENTO 2013-2014-2015

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

INDEBITAMENTO 2013-2014-2015

Messaggio  mirkoponca il Ven 15 Feb 2013 - 8:29

ciao a tutti, con riferimento ai Comuni, volevo sapere se sono già stati individuati i nuovi limiti alla capacità di indebitamento per gli anni 2013-2014-2015...e con quale provvedimento (decreto, legge etc...).
Grazie
Mirko

mirkoponca

Messaggi : 1
Data d'iscrizione : 15.02.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

indebitamento

Messaggio  Paolo Gros il Dom 17 Feb 2013 - 23:37

L'art. 16, comma 11, del dl 95/2012, convertito nella legge 135/2012, ha fornito l'interpretazione autentica dell'art. 204, comma 1, del Tuel 267/2000.
La norma chiarisce che gli Enti locali possono assumere nuovi mutui e accedere ad altre forme di finanziamento reperibili sul mercato solo se l'importo annuale degli interessi, sommato a quello delle operazioni in essere (mutui, prestiti obbligazionari, aperture di credito, garanzie fideiussorie) e assunto al netto dei contributi statali e regionali in conto interessi, non supera una certa percentuale delle entrate relative ai primi tre titoli del rendiconto del penultimo anno precedente quello in cui viene prevista l'assunzione del nuovo debito.
Il tetto all'indebitamento, ripetutamente modificato dal legislatore negli ultimi anni, è stato infine decisamente abbassato dall'art. 8, comma 1, della legge 183/2011, che ne ha previsto la progressiva riduzione fissandolo all'8% per il 2012, al 6% per il 2013 e al 4% a regime dal 2014.
Tale previsione ha posto fin da subito una rilevante questione interpretativa: si trattava di stabilire se il vincolo si applicasse solo nell'anno di contrazione del nuovo indebitamento, ovvero se ogni Ente dovesse impostare la propria programmazione in modo da garantire anche il rispetto delle soglie (decrescenti) imposte per gli esercizi successivi.
In sintesi, l'Ente locale può assumere nuovi mutui e accedere ad altre forme di finanziamento reperibili sul mercato, qualora sia rispettato il limite nell'anno di assunzione del nuovo indebitamento.

Il limite 2013 e' noto
avatar
Paolo Gros
Admin

Messaggi : 51828
Data d'iscrizione : 30.07.10

Vedi il profilo dell'utente http://paologros.oneminutesite.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: INDEBITAMENTO 2013-2014-2015

Messaggio  giorgi.bruno il Gio 28 Feb 2013 - 9:31

Ho ancora un dubbio sull'interpretazione dell'interpretazione.
L’art. 16, co. 11, D.L. 6 luglio 2012 n. 95, convertito in L. n. 135/2012, in via di interpretazione autentica ha previsto che “Il comma 1 dell’articolo 204 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, si interpreta nel senso che l’ente locale può assumere nuovi mutui e accedere ad altre forme di finanziamento reperibili sul mercato, qualora sia rispettato il limite nell’anno di assunzione del nuovo indebitamento.” .

Secondo voi cosa si intende per "nell’anno di assunzione del nuovo indebitamento".

Ovvero si intende l'anno in cui si decide l'indebitamento (ad esempio il 2013 quindi < 6 %) oppure l'anno in cui si iniziano a pagare le rate (ad esempio il 2014 e quindi occorre stare sempre e comunque sotto il 4 %).

Mi spiego con un esempio:
nel 2013 ho un margine disponibile per interessi primma di arrivare al 6 %.
Si decide di contrarre un prestito che porta l'indice al 5,99 % con previsione di pagare le rate a partire dal 01/01/2014.
Qual'è il tasso cui tener conto: il 6 % o il 4 % ?

giorgi.bruno

Messaggi : 831
Data d'iscrizione : 23.06.11
Località : FALERNA

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

2013

Messaggio  Paolo Gros il Gio 28 Feb 2013 - 23:00

e' il 2013, anno in cui si contrae il mutuo
avatar
Paolo Gros
Admin

Messaggi : 51828
Data d'iscrizione : 30.07.10

Vedi il profilo dell'utente http://paologros.oneminutesite.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: INDEBITAMENTO 2013-2014-2015

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum