Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Cambio compensativo
Ven 25 Set 2015 - 1:12 Da Admin

» Mobilità compensativa tra infermieri
Ven 25 Set 2015 - 1:12 Da Admin

» Verifica Equitalia
Gio 19 Feb 2015 - 2:17 Da Admin

» split payment
Gio 19 Feb 2015 - 2:16 Da Admin

» codice univoco fatture - IPA
Mer 18 Feb 2015 - 23:29 Da Admin

» tassa rifiuti- delibera di assimilazione
Mer 18 Feb 2015 - 3:33 Da Admin

» graduatoria a T.D.-riflessione
Lun 16 Feb 2015 - 23:57 Da Admin

» BONUS RENZI COMPENSAZIONE F24
Lun 16 Feb 2015 - 6:08 Da Admin

» pensioni S7 - servizi stampati non in ordine di data
Lun 16 Feb 2015 - 0:59 Da Admin

» congedo parentale
Lun 16 Feb 2015 - 0:59 Da Admin

» conflitto di interesse???
Ven 13 Feb 2015 - 4:18 Da Admin

» ICI / IMU IMPIANTI DI RISALITA
Ven 13 Feb 2015 - 4:18 Da Admin

» campo da calcio comunale
Ven 13 Feb 2015 - 0:08 Da Admin

» pensioni s7 e tabella voci emolumenti
Ven 13 Feb 2015 - 0:08 Da Admin

» Antenne. microcelle outdoor
Gio 12 Feb 2015 - 3:51 Da Admin

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
creare un forum
Calcolo Irpef on line
http://www.irpef.info/

attività di vicinato. Variazione ragione sociale.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

attività di vicinato. Variazione ragione sociale.

Messaggio  arpasqu il Ven 8 Feb 2013 - 1:13

Un attività di vicinato per la vendita dei prodotti alimentari, ultraventennale, avente la propria ragione sociale come società familiare e composta da due sorelle, ha variato la propria ragione sociale da "società familiare" a "società accomandata semplice", attribuendo una quota del 70% al socio accomandatario ed una quota del 30% all'altro socio. Dalla lettura dell'art. 73 del TU sul commercio della Regione Toscana se mbra evincere che trattandosi di variazione della ragione sociale la ditta è soggetta a semplice comunicazione al comune della variazione intervenuta non implicando l'obbligo della presentazione di una nuova dichiarazione di inizio attività.
Vorrei sapere se l'interpretazione data è corretta oppure se dobbiamo richiedere la presentazione di una nuova Scia come se si fosse in presenza di un vero e proprio trasferimento/subentro nella proprietà dell'azienda, cosa di di fatto non è avvenuta perchè i proprietari rimangono i due precedenti tutolari della società familiare.
Cordiali saluti
Arturo Pasquinelli

arpasqu

Messaggi : 3
Data d'iscrizione : 13.05.11
Età : 64

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum