Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Cambio compensativo
Ven 25 Set 2015 - 1:12 Da Admin

» Mobilità compensativa tra infermieri
Ven 25 Set 2015 - 1:12 Da Admin

» Verifica Equitalia
Gio 19 Feb 2015 - 2:17 Da Admin

» split payment
Gio 19 Feb 2015 - 2:16 Da Admin

» codice univoco fatture - IPA
Mer 18 Feb 2015 - 23:29 Da Admin

» tassa rifiuti- delibera di assimilazione
Mer 18 Feb 2015 - 3:33 Da Admin

» graduatoria a T.D.-riflessione
Lun 16 Feb 2015 - 23:57 Da Admin

» BONUS RENZI COMPENSAZIONE F24
Lun 16 Feb 2015 - 6:08 Da Admin

» pensioni S7 - servizi stampati non in ordine di data
Lun 16 Feb 2015 - 0:59 Da Admin

» congedo parentale
Lun 16 Feb 2015 - 0:59 Da Admin

» conflitto di interesse???
Ven 13 Feb 2015 - 4:18 Da Admin

» ICI / IMU IMPIANTI DI RISALITA
Ven 13 Feb 2015 - 4:18 Da Admin

» campo da calcio comunale
Ven 13 Feb 2015 - 0:08 Da Admin

» pensioni s7 e tabella voci emolumenti
Ven 13 Feb 2015 - 0:08 Da Admin

» Antenne. microcelle outdoor
Gio 12 Feb 2015 - 3:51 Da Admin

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
creare un forum
Calcolo Irpef on line
http://www.irpef.info/

esercizio di vicinato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

esercizio di vicinato

Messaggio  neosegretario il Mar 25 Set 2012 - 12:29

sono responsabile dell'area amm.va nel mio piccolo comune, pertanto mi occupo anche delle attività commerciali. La faccenda è la seguente.
La stazione dei carabinieri a seguito di accertamento, segnala al comune la presenza sul territorio di un esercizio di vicinato (vendita di fiori e vini, strano accostamento) privo di qualsiasi atto autorizzatorio o sostitutivo dello stesso (dia o scia) e invita il comune medesimo ad attivare le necessarie verifiche. A distanza di qualche giorno viene notificato all'ente un ricorso ai sensi dell'art. 18 della l. 689/1981, con allegati 2 verbali dei carabinieri (al comune i carabinieri non avevano inoltrato il verbale ma solo una nota in cui si segnalava la situazione) con tanto di sanzione prevista per la violazione addebitata. Nel ricorso si chiede al sindaco di annullare i verbali dei CC e di archiviare il tutto. Nei verbali di accertamento si contesta la violazione degli art. 3 e 10 della L. 287/1991 (che fanno riferimento all'attività di somministrazione di alimenti e bevande, che nella fattispecie non ricorre), nonchè la violazione delle disposizioni del D. Lgs. 114/1998, artt. 29 e 30 ("Commercio al dettaglio su aree pubbliche", al comune non risulta attività su suolo pubblico).
Precisando che il comune non aveva emanato alcuna ordinanza, mi chiedo come intervenire, non potendo certo procedere come chiede il ricorrente, nè, tantomeno, ignorare quanto segnalato dai carabinieri.

Grazie, spero possiate aiutarmi

neosegretario

Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 19.01.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

CC

Messaggio  Paolo Gros il Mer 26 Set 2012 - 0:03

In realta' i CC avrebbero dovuto indicare nel processo verbale l'organo a cui ricorrere , nel caso il Comune che dovrebbe in tal caso riferirsi ai fini della ricezione di osservazione ed alla eventuale emissione di ordinanza ingiunzione ad un funzionario ( nello specifico il comandante VVUU ovvero il segretario ) .
Per come enunciato , poiche' risultano eccepite violazioni a norme che paiono non ricorrere ben puo' l'ente provvedere all'archiviazione trasmettendone copia alla stazione CC
( verificate la procedura della lex 689/1981 )
avatar
Paolo Gros
Admin

Messaggi : 51828
Data d'iscrizione : 30.07.10

Vedi il profilo dell'utente http://paologros.oneminutesite.it/

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum